UN'AZIENDA INTEGRATA A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE.

Un'attività produttiva fortemente eco-sostenibile

Rispetto per l'ambiente

ecosostenibilità

La preservazione dell'essere umano, attraverso il rispetto e la tutela dell'ambiente, è un valore essenziale per l'uomo. Tendere al benessere, alla salute, alla vita, è infatti una caratteristica endogena dell'uomo: una stretta relazione che necessita di un rispetto reciproco lega l'uomo e l'ambiente. Sarebbe assurdo pensare di poter preservare la propria vita senza avere cura dell'ambiente che la ospita. Eppure negli ultimi decenni assistiamo inerti e incuranti al progressivo degrado dell'ambiente di dimensioni inarrestabili, e il maggior responsabile di questo fenomeno è l'uomo stesso che, a seguito del processo di industrializzazione della società, ha alzato di gran lunga la soglia dei suoi consumi e necessità: è il consumismo. Gli sprechi delle società moderne, l'utilizzo di fonti di energia derivanti da idrocarburi, il processo di disboscamento sono solo alcuni dei delitti posti in essere dall'uomo nei confronti del proprio pianeta.
L'imprenditore napoletano Biagio Giordano - da sempre vicino alle realtà campestri e all'agricoltura - attraverso Ittica Pianeta Mare ha voluto dare il proprio contributo alla salvaguardia dell'ambiente, dando vita ad un'attività produttiva fortemente eco-sostenibile. Gli accorgimenti tecnici e tecnologici adottati da Ittica Pianeta Mare sono sinteticamente descritti a seguire:

IMPIANTO PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE.

  • Produzione di energia elettrica
  • Trasportatori elettrici
  • Utilizzo delle acque di sottofondo
  • Smaltimento dei rifiuti.

L'azienda è dotata di un sistema fotovoltaico integrato con la rete elettrica nazionale, costituito da n. 260 pannelli fotovoltaici con una potenza nominale complessiva di 60 kwp e una produzione annua di circa 85.000 kwh. Considerando che nel nostro paese per produrre 1 kilowatt/ora vengono bruciati mediamente l'equivalente di 2,56 kwh sotto forma di combustibili fossili - e di conseguenza vengono immessi nell'aria circa 0,53 kg di anidrite carbonica (Co2) - è corretto affermare che l'utilizzo del nostro impianto evita l'immissione nell'aria di circa 45 tonnellate annue di Co2 che - secondo il calcolo posto in essere dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) - equivale ad aver piantato 4.500 alberi.

Per il trasporto dei prodotti ittici nello stabilimento, Ittica Pianeta Mare utilizza stoccatori e carrelli elevatori elettrici a zero emissioni di Co2, alimentati dalla corrente elettrica prodotta unicamente da pannelli solari.

L'emungimento delle acque dalla falda sotterranea salata avviene attraverso l'ausilio di n. 2 pozzi con una profondità di circa 30 metri. Le acque del sottosuolo vengono utilizzate per l'allevamento primario, per la depurazione dei molluschi e per lo stoccaggio dei crostacei vivi, con percorsi diversi a seconda della destinazione d'uso.

Le attività di depurazione e stoccaggio avvengono mediante appositi impianti di circolazione delle acque a "circuito chiuso": le acque emunte seguono gli step che riassumiamo di seguito.

1. Raccolta e approvvigionamento in apposite vasche;
2. Immissione nell'impianto;
3 Raccolta della acque reflue;
4. Depurazione e disinfezione delle acque;
5. Immissione delle acque nelle vasche;
6. Re-immissione nell'impianto.

La scelta di un impianto a circuito chiuso garantisce i migliori standard igienico-sanitari e un rispetto assoluto del principio di ecosostenibilità, in quanto questo tipo di impianto evita lo spreco delle acque.

L'allevamento primario, invece, avviene all'interno di vasche impermeabilizzate attraverso un sistema di circolazione delle acque a "circuito aperto": le acque emunte dal sottosuolo vengono immesse nelle vasche di allevamento con un portata di 15 litri/secondo, in modo da garantire il completo riciclo delle stesse in un tempo di circa 24 ore, per poi essere raccolte in una vasca di decantazione il cui "troppo di piena" è immesso in vasche imhoff, al fine di apportare un'ulteriore sedimentazione e chiarificazione delle acque, per poi fluire nell'alveolo denominato "canale secondario San Sossio".
I residui catabolici solidi dell'allevamento vanno a costituire i fanghi di allevamento, che precipitano in parte nelle vasche di allevamento - e pertanto sono rimossi quotidianamente attraverso appositi sifoni manuali - e in parte nella vasca di decantazione: questi ultimi vengono recuperati, periodicamente, da una ditta specializzata in questi aspetti.
I residui catabolici disciolti - grazie alla presenza di batteri nitrificanti nelle acque marine e di falda - vengono degradati in nitrato, assicurando una degradazione dell'ammoniaca in linea con i normali reflui domestici ( ex art. 111 del D.lgs. 152/06).

Data la natura delle attività della nostra azienda - produzione e manipolazione dei prodotti ittici - gli unici residui prodotti dal processo lavorativo sono di Cat. 3 e quindi vengono smaltiti a norma di legge da un'azienda specializzata e stoccati in depositi coibentati con impossibilità di fuoriuscita di eventuale percolato.

Resta in contatto con noi!

per informazioni: (+39) 081 18 94 11 94 - (+39) 392 80 25 521

info@itticapianetamare.com

Via Giardino, snc. - Località Parco Infermeria - Villa Literno, (Ce) - CAP 81039